scegli la lingua
Versione italiana English version
motore di ricerca

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

ultima modifica: Amministratore 03/05/2017

Inaugurazione del sentiero Valle dell’ Inferno

notizia pubblicata in data : mercoledì 3 maggio 2017

Inaugurazione del sentiero Valle dell’ Inferno

Sono durati poco più di tre mesi i lavori di valorizzazione dell'antica mulattiera Valle dell'Inferno che collegava San Giovanni Rotondo a Manfredonia.

La Valle dell’Inferno, utilizzata anche per la transumanza, è uno dei percorsi che riassume con particolare evidenza sia gli aspetti naturalistici che quelli storico-religiosi del Gargano. Lungo l'antica mulattiera il 2 febbraio del 1575, infatti,  è avvenuta la conversione di San Camillo De Lellis, evento che oggi è ricordato dalla grande croce posta sulla sommità dell’altopiano. Un avvenimento che ha trasformato questa Valle in un luogo di fede che, soprattutto nelle ricorrenze legate al Santo, attira tantissimi fedeli.

Il Progetto finanziato dall’Ente Parco Nazionale del Gargano, oltre alla messa in sicurezza del sentiero, ha visto la realizzazione di una staccionata, di totem informativi, di picchetti segnavia, di segnali su roccia.

L’inaugurazione di questo percorso è un riconoscimento all’importanza spirituale e naturalistica del Gargano” - afferma il Presidente Stefano Pecorella -  Sin dall’ ideazione di questo progetto c’è stata la condivisione di tutta l’Amministrazione comunale, che, insieme all’Ente Parco, hanno compreso quanto fosse importante garantire nuove possibilità di fruizione a pellegrini e turisti. Promuovere il turismo escursionistico – spiega il Presidente Pecorella- significa superare il concetto di sentiero inteso come semplice infrastruttura e promuovere lo sviluppo sostenibile. Vogliamo che turisti e fedeli compiano un viaggio sicuro alla scoperta della natura, della cultura e della storia della nostra terra”.


"La conclusione dei lavori su questo tratto del cammino “Camilliano” si inserisce perfettamente in una  rete che rappresenterà un importante veicolo di sviluppo e di accesso ai beni culturali del Parco Nazionale del Gargano” afferma il Sindaco di San Giovanni Rotondo Costanzo Cascavilla “Per la scelta dell’intervento, infatti, è stato considerato oltre il valore naturalistico anche quello religioso, fondamentale per il Gargano, vista la presenza di San Pio da Pietrelcina, San Michele Arcangelo e altri Santi che nei secoli hanno frequentato questo territorio.”

 

Risultato
  • 3
(1419 valutazioni)
Ultime Notizie Rassegna stampa
“UN PASSO INDIETRO...NEL TEMPO” SABATO 20 OTTOBRE IL GEOEVENTO, NEL PARCO NAZIONALE DEL GARGANO, IN OCCASIONE DELLA “SETTIMANA DEL PIANETA TERRA” Studiosi dal mondo nelle faggete UN ... Una delegazione internazionale di esperti di faggio ha visitato nei giorni scorsi le faggete UNESCO della Foresta Umbra. Undici studiosi, provenienti da Europa, Stati Uniti, Iran e Giappone, hanno potuto apprezzare da vi ...
Nasce una collaborazione con il Par ... Non è stata solo un’occasione per raccontare le bellezze naturalistiche e culturali del Conero e del Gargano, gli unici promontori calcarei della costa italiana sull’Adriatico, che con le loro rocce bianche e le famose l ... La lontra torna nel Parco Nazionale ... Dopo 40 anni di assenza, la lontra torna nel Parco Nazionale del Gargano. Nei giorni scorsi un esemplare del mammifero Lutra lutra (inserito nelle liste rosse IUCN e considerato tra i più minacciati d’Italia) è stato rit ...
Archivio notizie Clicca per vedere tutte le altre notizie del portale

Area d'accesso al portale

area riservata

Ente Parco Nazionale del Gargano - Via Sant’Antonio Abate, 121 - 71037 Monte Sant'Angelo (Fg)
Codice Fiscale 94031700712 - Partita IVA 03062280718

Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl Copyright © 2011
Carta Europea per il Turismo Sostenibile MaB - Candidatura