scegli la lingua
Versione italiana English version
motore di ricerca
ultima modifica: Amministratore 06/03/2012

EDIFICI RELIGIOSI

 

Isole Tremiti, San Nicola - Abbazia di Santa Maria a Mare

Comune: Isole Tremiti
Modalità di fruizione:
Cronologia:

L'Abbazia di Santa Maria a Mare è un complesso di edifici, situati sull'isola di San Nicola che ne danno l'aspetto attuale, nell'arcipelago delle isole Tremiti al largo della costa garganica nel mar Adriatico. E' uno degli approdi del Mediterraneo in cui l'arrivo e lo sbarco su quest'isola è come riornare indietro nel tempo, Questa dote ccomuna San Nicola con l'arrivo al porto vecchio, Mandraki, di Rodi, il porto de La Valletta a Malta e il porto di Palma di Maiorca nelle Baleari.
   Una leggenda narra che la colonizzazione religiosa dell'isola iniziò nel IV secolo d.C. Quando la Madonna apparve in sogno ad un eremita chiedendo la edificazione di una Cappella a Lei dedicata. Il Padre gesuita Guglielmo Gumppenberg riporta che l'eremita, di cui non si conosce nome e provenienza, eresse l'isola di San Nicola come luogo di romitaggio durante i primi secoli del Cristianesimo. La santità dell'uomo fu premiata con una visione della Vergine Maria, che, dopo aver rassenerato l'uomo atterrito dall'evento, gli ordina di costruire un tempio in suo onore. La.Madonna indicò, all'impaurito, un luogo dove scavare per procurare i tesori necessari al compimento dell'opera affidata al sant'uomo. L'uomo prima ritrovò un'iscrizione sepolcrale, e poi, dietro di essa delle incredibili ricchezze, degne di un re. La leggenda vuole che questo sepolcro altro non fosse che la  sepoltura dell'eroe omerico Diomede. La leggenda viene riportata con maggiori particolari dalla Cronica Istoriale di Tremiti, scritta da Benedetto Cocorella alla fine del '500, ad iniziare dalla data di approdo dell'eremita sull'isola di San Nicola, che viene indicata al 312 d.C.
   Secondo la cronaca del Cocarella, dopo aver ritrovato il tesoro, l'eremita venne rapito da un sogno e uno venne spinto da un dolce venticello fino a Costantinopoli, dove sbarcò. Qui trovò, pronta agli ormeggi, una nave carica del materiale necessario alla costruzione. La nave imbarcava anche operai edili, con i quali l'eremita riuscì a costruire la cappella dedicata alla Madonna.
L'uomo una volta terminata la costruzione del tempio non ritenne il suo compito concluso e si impegnò a diffondere la devozione mariana tra pescatori, mercanti e tutti gli altri che approdavano nella rada dell'arcipelago.
La Cronica continua raccontando che dopo circa sei secoli erano rimasti solo pochi e vecchi e per questo, i monaci dell'Ordine di San Benedetto venuti a conoscenza delle meraviglie del luogo pensarono di edificare un'Abbazia  in un luogo solitario da dedicare alla vita ascetica, sostituirono gli eremiti rimasti con l'approvazione papale.
Secondo il Chartularium Tremitense il primo centro religioso venne edificato nel IX secolo ad opera dei benedettini come dipendenza diretta dell'abbazia di Montecassino.
Certo è che nell'XI secolo il complesso abbaziale raggiunge quello che sarà il periodo di massimo splendore, aumentando a dismisura possedimenti e ricchezze, tanto da effettuare una riedificazione drlla chiesa da parte dell'abate Alderico, che venne consacrata nel 1045 dal vescovo di Dragonara.
La magnificenza di questo periodo è testimoniata dalla presenza tra le mura del monastero di ospiti illustri, tra i quali Federico di Lorena (futuro papa Stefano IX) e di Dauferio Epifani (futuro papa Vittore III) e da una bolla di Alessandro IV del 22 aprile 1256 in cui viene confermata la consistenza dei beni posseduti dalla comunità monastica. L'intero complesso rimase possedimento dell'abbazia di Montecassino per circa un secolo, nonostante le pressanti richieste di autonomia e le proteste dei religiosi tremitesi che arrivarono anche a cercare la collaborazione con l'altra potente Abbazia di Santa Maria di Calena, nella piana sotto Peschici.
Nel XIII secolo, quando venne svincolata dal monastero di Cassino, aveva possedimenti che andavano dal Biferno fino a Trani. Secondo le cronache dell'epoca le tensioni mai assopite con il monastero laziale e i frequenti contatti con i dalmati, visti con sospetto dalla Santa Sede, portarono i monaci a una decadenza morale che spinse nel 1237 il cardinale Raniero da Viterbo ad incaricare il vescovo di Termoli di sostituire l'ordine di San Benedetto con i Cistercensi per rinnovare spiritualmente la guida dell'abbazia.
 In seguito Carlo I d'Angiò rinforza il complesso abbaziale con delle opere di fortificazione. Opere che non riuscirono, nel 1334  a fermare il corsaro dalmata Almogavaro e a sua flotta, che depredarono l'Abbazia dei beni presenti e trucidarono i monaci mettendo fine alla presenza cistercense nell'arcipelago.
Dobbiamo arrivare al 1412, quando, in seguito a pressioni e lettere apostoliche, e su diretto ordine di Gregorio XII, dopo il rifiuto di diversi ordini religiosi, giunse sull'isola una piccola comunità di Lateranensi, proveniente dalla chiesa di San Frediano in Lucca e guidata da Leone da Carrara per ripopolare e riportare ai passati fasti l'antico centro religioso.
I Lateranensi restaurarono il complesso abbaziale, ampliandone le costruzioni, soprattutto con la numerose cisterne ancora oggi funzionanti e con lavori di rinforzo delle difese. I monaci estesero anche i possedimenti dell'abbazia sul Gargano, in Terra di Bari, Molise e Abruzzo.
I lavori imponenti ebbero pienamente successo, tanto che nel 1567 l'abbazia-fortezza di San Nicola riuscì a resistere agli attacchi della flotta di Solimano il Magnifico.
L'abbazia fu soppressa nel 1783 da re Ferdinando IV di Napoli che nello stesso anno vi istituì una colonia penale. Nel periodo napoleonico l'arcipelago fu occupato dai murattiani che si trincerarono all'interno della fortezza di San Nicola resistendo validamente agli assalti di una flotta inglese. Di questi attacchi sono visibili ancora oggi i buchi delle palle di cannone inglesi sulla facciata della Chiesa.

 

 

Risultato
  • 3
(4006 valutazioni)


Ultime Notizie Rassegna stampa
Studiosi dal mondo nelle faggete UN ... Una delegazione internazionale di esperti di faggio ha visitato nei giorni scorsi le faggete UNESCO della Foresta Umbra. Undici studiosi, provenienti da Europa, Stati Uniti, Iran e Giappone, hanno potuto apprezzare da vi ... Nasce una collaborazione con il Par ... Non è stata solo un’occasione per raccontare le bellezze naturalistiche e culturali del Conero e del Gargano, gli unici promontori calcarei della costa italiana sull’Adriatico, che con le loro rocce bianche e le famose l ...
La lontra torna nel Parco Nazionale ... Dopo 40 anni di assenza, la lontra torna nel Parco Nazionale del Gargano. Nei giorni scorsi un esemplare del mammifero Lutra lutra (inserito nelle liste rosse IUCN e considerato tra i più minacciati d’Italia) è stato rit ... Riqualificazione paesaggi costieri ... Si svolgeranno domani mattina a Cagnano Varano e domani pomeriggio a Monte Sant'Angelo, due incontri pubblici per discutere di due importanti avvisi pubblici del POR Puglia: riqualificazione paesaggi costieri e infrastrutture verdi.
Archivio notizie Clicca per vedere tutte le altre notizie del portale

Area d'accesso al portale

area riservata

Ente Parco Nazionale del Gargano - Via Sant’Antonio Abate, 121 - 71037 Monte Sant'Angelo (Fg)
Codice Fiscale 94031700712 - Partita IVA 03062280718

Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl Copyright © 2011
Carta Europea per il Turismo Sostenibile MaB - Candidatura